Colle della Roussa

pubblicato in: Natura, Primo Piano | 0

Colle della Roussa - Coazze (TO)Sentiero di facile percorrenza, può essere percorso a piedi o con mountain bike d’estate, oppure con sci o ciaspole d’inverno. Imboccato il sentiero, sulla destra si trova immediatamente una fontana dedicata al Sig. Flis, per poi proseguire incontrando diverse borgate e piloni votivi eretti a santi diversi.

Il primo punto veramente caratteristico da non perdere è la Loja scura con le marmitte dei giganti. Lasciata la Loja, dopo una breve passeggiata in mezzo ad un bosco misto, che poi diventa pineta, si giunge a Palazzina Sertorio (edificio degli anni 20 costruito come palazzina di caccia). L’edificio fu sede di scontri nel 1944 durante la Seconda Guerra Mondiale, nel ricordo di una di queste lotte, è stata posizionata una statua a memoria della “Sentinella Partigiana”.

Ripreso il sentiero principale, si giunge all’Alpeggio Sellery a valle, per poi entrare a pieno all’interno del Parco Naturale Orsiera Rocciavrè, dove si possono osservare diversi punti informativi, sotto forma di bacheche, su quella che è la flora e fauna del Parco, oltre alla visione delle tracce a stella del Forte Moritio, costruito nel 1628 e distrutto dai francesi subito in seguito. Il vallone del Sellery era frequentato anche da Vittorio Emanuele II.

Con un ultimo tratto di strada pianeggiante, si arriva all’Alpeggio Sellery Superiore, dove diparte l’ultimo tratto di salita che in poco meno di un ora porta al colle della Roussa.

Dal colle, volendo, si può proseguire per le diverse mete, ovvero sulla destra orografica il monte Bocciarda e Sarasina, o sulla sinistra orografica per Punta Loson e Monte Robinet.

Partenza

Luogo di partenza: Inizio della strada agrosilvopastorale (1100 mt). La strada indicata da una bacheca del parco Orsiera; si trova sulla strada che da Forno porta a Pianeiretto, (due curve prima della sbarra).

  • Quota max: Colle della Roussa (2019 mt)
  • Dislivello: 920 mt
  • Tempo: circa 6 ore andata/ritorno

Alternative di Partenza

  • Partenza: Parcheggio Pianas di Forno
  • Tempo: 6.5 ore

Giunti al campeggio prendere la strada sterrata sulla sinistra, chiusa da una sbarra (segnavia 414A). Non attraversare il torrente, ma seguire il sentiero che prosegue sulla destra, per poi dopo aver attraversato una radura e due rii e un boschetto, ci si collega alla strada principale sulla agrosilvopastorale

  • Partenza: Parcheggio Pianas di Forno
  • Tempo: 7 ore

ATTENZIONE: Questo percorso attraversa in più punti dei rii (oltre il Sangone iniziale) per cui, è consigliabile farlo in periodi di scarsità d’acqua.

Dall’area attrezzata si lascia sulla destra la strada asfaltata e si segue lo sterrato 414 che porta al torrente Sangone e, se le condizioni lo permettono, si guada il torrente e si prosegue sul sentiero Valsangone Quota 1000. Raggiunta la radura, si svolta a destra e si raggiungono le rovine di Prese Meinardo e, salendo ancora,dopo quasi un ora di camminata, si raggiunge Palazzina Sertorio (1454 mt) da cui si può riprendere la grande strada principale che conduce al colle.